Gruppo di lettura!

Con l’inizio dell’anno riparte anche il gruppo di lettura!

Ci vediamo giovedì 25 gennaio alle 21 per parlare di “La ragazza con la Leica” di Janeczek Helena e “Il coro femminile di Chilbury” di Ryan Jennifer.

Ricordiamo a tutti che si può “entrare nel gruppo” quando si vuole, senza iscrizioni.

Vi aspettiamo!

Fra&Eli

Annunci

Storytelling – Corso di scrittura livello BASE

Nuova classe in partenza per il corso di Storytelling con Riccardo Milanesi!

Corso di Storytelling: arte della narrazione.
6 lezioni settimanali:
giovedì 1 febbraio
giovedì 8 febbraio
giovedì 15 febbraio
giovedì 22 febbraio
giovedì 1 marzo
giovedì 15 marzo
Iscrizione obbligatoria entro il 26 gennaio.

L’obiettivo del corso è quello di avvicinare alla scrittura creativa attraverso un’esplorazione dei “luoghi” della narrazione, per raggiungere una percezione critica e produttiva delle proprie capacità narrative.

Riccardo Milanesi, diplomato in Tecniche della Narrazione alla Scuola Holden di Torino, è stato autore di sit-com per Magnolia e nel 2008 ha vinto il Mystfest come migliore soggetto originale. È ideatore e regista de “L’Altra”, la prima Facebook series, premiata al L.A. WebFestival e al Marseille Webfest. Si occupa di digital e transmedia storytelling collaborando con alcune realtà produttive televisive e web (De Agostini, Palomar e Magnolia) ed è docente di Storytelling per la Scuola Holden.

StorytellingLocandina_febbraio.jpg

 

L’isola di Macondo

Lunedì 6 novembre alle 2123031555_10211809600090201_6596489141222644090_n

Macondo è una parola che può ispirare notevoli suggestioni: ad alcuni ricorda il realismo magico dell’indimenticabile Gabriel García Márquez, ad altri il nome di un caleidoscopio sociale, fondato da Mauro Rostagno e dai suoi compagni di sogno, nei locali di una fabbrica dismessa.
L’isola di Macondo, pur non trascurando tali riferimenti, non è ambientato né nella lontana foresta colombiana raccontata da Gabo né nella ribollente Milano degli anni Settanta.
A vestire il ruolo di scenario-protagonista è infatti l’arcipelago delle Isole Egadi: affascinante come il villaggio fondato dai Buendía, complesso come l’Italia della fine del Novecento, poliedrico come l’intensa vita di Rostagno, meravigliosamente semplice come il mondo, quando “era così recente, che molte cose erano prive di nome”.
In effetti, per coloro che l’hanno vissuto, il nome Macondo oggi ricorda soprattutto il progetto sociale “Casa Macondo”, nato a Favignana, in una villetta sotto sequestro, dove i bambini dipingono il loro mondo con le mani e le tempere colorate.
Un mondo ancora innocente che ospita, comprende, protegge.
Un luogo dove i favignanesi accolgono valori e non valute, amici e non semplici turisti; dove si pratica la maieutica di Danilo Dolci e si ricordano le vittime innocenti di quell’orribile mostro chiamato “mafia”, che nella provincia di Trapani ha trovato l’avallo di potenti personaggi della società che conta.

Se le conosci le eviti! Le piante che fanno male alla salute

22519340_10211694819020746_755704238069814536_n

Se le conosci le eviti – 25 ottobre 2017

Sai riconoscere le piu diffuse piante velenose?
Spinaci allucinogeni, zafferano tossico e bacche di tutti i colori, presenti sia nei boschi che nei nostri giardini.
I recenti fatti di cronaca ci dicono che la scarsa conoscenza gioca brutti scherzi.

Abbiamo organizzato una serata per darvi gli strumenti necessari a conoscere le piante più comuni che fanno male alla salute a cura della Dott.ssa Valeria Lugani.

Vi aspettiamo!
Mercoledi 25 ottobre ore 21
Libreria Namastè
Via Sarina 33
Tortona (AL)

Contributo di partecipazione: 12 euro

Per informazioni ed iscrizioni:
Valeria Lugani – agronomo valeria.m.lugani@libero.it 349/5593922
Renza Borello- erborista renza.borello@libero.it 349/6389781
Libreria Namastè – namastelib@libero.it tel/fax 0131/813174
Fb Magnaplanta

Dal BANG al BOOM – L’Italia degli anni 50 dalla catastrofe al benessere. Un documentario di Andrea Murnik

245927737002202

Negli Anni ’50, l’Italia uscì dall’angoscia bellica e si trasformò in un Paese allegro. Si vedrà, attraverso una serie di spezzoni tratti dal cinema italiano di quegli anni, come si passò dal Neo-realismo alla commedia all’italiana, dalla disperazione e povertà all’allegria e ricchezza.
Questo documentario è stato realizzato per favorire la comprensione delle ricerche di NisemTu. In questo caso si è focalizzata l’attenzione sul motore emotivo, grazie al quale è consentito a chiunque di comunicare con chiunque, indipendentemente da età, razza, cultura. NisemTu quindi raccomanda di lasciarsi soprattutto prendere dal flusso delle immagini e delle musiche e di osservare in particolare i volti degli attori, che esprimono mille emozioni, rappresentanti gli stati d’animo di un intero popolo che viveva un concentrato di vicissitudini e di fortune.